Cosa sapere sugli steroidi per la BPCO

Cosa sapere sugli steroidi per la BPCO

La malattia polmonare ostruttiva cronica è un gruppo di condizioni che influenzano il modo in cui una persona respira. I medici di solito trattano la condizione con i broncodilatatori ma possono anche prescrivere steroidi.

Fattori di rischio per la malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO) includono il fumo di sigaretta o l’esposizione a irritanti, come sostanze chimiche o inquinamento. Questi fattori possono danneggiare le sacche d’aria e le vie aeree nei polmoni.

Non esiste una cura per la BPCO, quindi i trattamenti in genere mirano a migliorare la qualità della vita di https://prodottioriginale.com/idealica/ una persona e impedire alla condizione di peggiorare.

Quando i broncodilatatori non possono controllare la condizione, un medico può prescrivere steroidi o corticosteroidi, trattamenti. Questi sono farmaci che possono ridurre l’infiammazione nelle vie aeree, rendendo più facile respirare.

Mentre gli steroidi sono disponibili come compresse, sono disponibili anche steroidi per inalazione. Questo articolo esplorerà la ricerca dietro l’uso di steroidi come trattamento per la BPCO, incluso il modo in cui funzionano e i possibili rischi.

In che modo gli steroidi funzionano per la BPCO?

Gli steroidi funzionano riducendo il Numero di composti infiammatori chiamati eosinofili nei polmoni.

I medici prescrivono comunemente steroidi per l’asma perché le persone con asma hanno alti livelli di eosinofili nelle loro vie aeree, il che può causare problemi.

Steroidi possono sopprimere questi composti infiammatori, riducendo gli attacchi di asma e il respiro sibilante.

steroidi orali o pillole steroide Tuttavia, i medici di solito non prescrivono steroidi come un trattamento standard per la BPCO perché la condizione ha cause sottostanti diverse rispetto all’asma.

I problemi di respirazione dovuti alla BPCO non provengono sempre dalle reazioni del sistema immunitario ma dai danni ai polmoni causato dal fumo o dall’inalazione di altre irritanti.

Invece di ST Eroidi, i medici di solito prescrivono broncodilatatori per trattare la BPCO. Queste sono medicine che una persona inala che agiscono sui tessuti nei polmoni per dilatare o allargare le vie aeree. I broncodilatatori idealmente rendono più facile respirare una persona.

Tuttavia, se la BPCO di una persona diventa più grave o sperimentano un’esacerbazione della BPCO, che è un periodo in cui i loro sintomi peggiorano, un medico può raccomandare Il broncodilatatore con trattamenti corticosteroidi.

I trattamenti corticosteroidi possono comportare l’uso di steroidi inalati o l’assunzione di steroidi orali, come il prednisone. A volte un medico effettuerà test, come prelevare un campione di espettorato, per determinare se una persona ha eosinofili nel proprio espettorato. In tal caso, possono rispondere meglio ai trattamenti di steroidi.

Un medico può prescrivere i seguenti steroidi inalati per la BPCO:

  • beclometasone (qvar)
  • budesonide (Pulmicort)

  • Ciclesonide (Alvesco)
  • fluticasone (Flovent)
  • Mometasone (asmanex)

Può anche prescrivere farmaci combinati per la BPCO, come:

  • budesonide con formaterolo (simbicort)
  • fluticasone con salmeterolo (advair)
  • ipratropium con albuterolo (Compivent Respimat)
  • Mometasone con formaterolo (Dulera)

Un medico prenderà in considerazione i sintomi di un individuo, la salute generale e la reattività ai trattamenti precedenti quando si prescrivono steroidi per la BPCO.

sono efficaci?

La ricerca sull’efficacia degli steroidi per la BPCO ha esaminato sia i tipi inalati che orali:

corticosteroidi per inalazione

Una revisione del 2015 ha concluso che non esiste "alcun beneficio di sopravvivenza" per quelli con BPCO usando steroidi inalati.

Tuttavia, il Gli autori dello studio hanno chiesto ulteriori ricerche sulla determinazione di quali persone potrebbero beneficiare di corticosteroidi inalati.

Ulteriori ricerche potrebbero includere i test per determinare se gli steroidi inalati potrebbero essere utili per le persone con determinati tipi di composti infiammatori nei loro polmoni.

steroidi orali

Secondo la ricerca del 2014, l’assunzione di steroidi orali ha alcuni vantaggi per le persone con BPCO.

La revisione riporta che gli steroidi orali possono migliorare la funzione polmonare, ridurre mancanza di respiro e provocano tassi di recidiva più bassi per le persone con esacerbazioni di BPCO moderate e gravi.

Una delle preoccupazioni più significative sui corticosteroidi orali è per quanto tempo una persona dovrebbe prenderle.

I medici prescrivono in genere steroidi per periodi di 8 settimane. Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che un corso di trattamento di 14 giorni potrebbe offrire risultati simili.

Uno studio del 2013 ha esaminato l’efficacia del prednisone. Alcuni partecipanti hanno preso il farmaco per 5 giorni, mentre altri l’hanno preso per 14 giorni per esacerbazioni della BPCO.

Lo studio ha incluso 314 partecipanti che sono venuti in un dipartimento di emergenza con esacerbazione della BPCO. Tutti i partecipanti avevano una storia di fumo superiore a 20 anni e non avevano l’asma.

Ad un appuntamento di follow-up 6 mesi dopo, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di riferire se avevano sperimentato una esacerbazione della BPCO durante il periodo di studio. Gli autori hanno concluso che l’assunzione di steroidi per 5 giorni non ha avuto risultati peggiori rispetto a quelli per 14 giorni.

Effetti collaterali

Alcuni dei potenziali effetti collaterali degli steroidi includono:

  • Angioedema: si riferisce a gravi gonfiori nelle vie aeree, nella bocca e in altre regioni del corpo. L’angioedema può rendere difficile respirare e spesso richiede il ricovero in ospedale.
  • Broncospasmo: mentre gli steroidi dovrebbero aiutare una persona a respirare più facilmente, è possibile che una persona possa avere la reazione opposta e sperimentare un broncospasmo. Questo è quando le vie aeree si contraggono e si restringono, rendendo più difficile respirare.
  • Insufficienza surrenale: gli steroidi funzionano per stimolare gli ormoni nelle ghiandole surrene. A volte i farmaci steroidei possono stimolare troppi ormoni surrenali, impovedendo le riserve del corpo. I risultati possono essere l’insufficienza surrenale, che provoca debolezza muscolare, perdita di appetito, perdita di peso, mal di stomaco e fatica duratura. un’infezione polmonare grave. La polmonite può essere pericolosa per la vita per una persona con BPCO perché hanno già problemi polmonari.

Gli steroidi non sono un trattamento adatto per ogni persona che ha la BPCO. Quindi, prima di prescrivere steroidi, un medico valuterà la salute generale di una persona, gli altri farmaci e la progressione della BPCO. Discuteranno anche dei rischi e dei benefici.

Rischi

I rischi di assumere gli steroidi variano a seconda del farmaco specifico che una persona può assumere.

per Esempio, il farmaco beclometasone (Qvar) può far sì che alcune persone abbiano pensieri sul suicidio.

Sebbene questo effetto collaterale sia raro, è essenziale che una persona sia a conoscenza di questo potenziale rischio prima di usare il farmaco, soprattutto se Hanno una storia di condizioni di salute mentale.

Gli steroidi possono anche aumentare la pressione intraoculare, che è la pressione del fluido nell’occhio. Questo può essere problematico per coloro che hanno condizioni oculari, come il glaucoma.

Altri trattamenti

I broncodilatatori sono il trattamento di prima linea per la BPCO. Sono disponibili broncodilatatori a breve durata e ad azione lunga. Una persona può anche usare entrambi.

Altri trattamenti possono includere:

  • Riabilitazione polmonare: questo approccio terapeutico prevede l’insegnamento di una persona che respira metodi ed esercizi.
  • Oxygen Therapy: a volte i polmoni di una persona sono così danneggiati che non possono scambiare molto bene l’ossigeno. In questo caso, possono richiedere ossigeno extra, che prevede l’uso di un serbatoio di ossigeno per consegnarlo ai polmoni. Opzioni per alcune persone con BPCO.

Non esiste una cura per la BPCO, quindi il trattamento si concentrerà sulla riduzione dei sintomi e del rischio di complicanze.

Outlook

L’uso di steroidi per la BPCO è ancora controverso. Gli studi non hanno ancora dimostrato di essere efficaci nel ridurre i sintomi della BPCO e nel migliorare la qualità della vita di una persona.

Tuttavia, possono aiutare alcune persone, come quelle i cui sintomi sono aggravati dalle reazioni del sistema immunitario.

Una persona dovrebbe sempre discutere i rischi e i possibili benefici dell’uso di steroidi per trattare la BPCO con un medico prima.

  • Farmacia/farmacista

Notizie mediche Oggi ha rigorose linee guida di approvvigionamento e attinge solo da studi peer-reviewed, istituzioni di ricerca accademica e riviste e associazioni mediche. Evitiamo di usare riferimenti terziari. Colleghiamo fonti primarie – compresi studi, riferimenti scientifici e statistiche – all’interno di ogni articolo e le elenchiamo anche nella sezione Risorse in fondo ai nostri articoli. Puoi saperne di più su come garantiamo che i nostri contenuti siano accurati e attuali leggendo la nostra politica editoriale .

Contents

Top